I lavoratori frontalieri sono tenuti al pagamento delle Imposte alla fonte in Svizzera.

In alcuni casi, essi sono poi soggetti a precisi adempimenti fiscali in Italia.

In questa tabella puoi trovare un riassunto dei principali adempimenti fiscali a cui sono soggetti i lavoratori frontalieri che risiedono in Italia e lavorano in Svizzera.

Gli associati al sindacato possono inoltre usufruire di approfondite consulenze fiscali del nostro Ufficio Frontalieri OCST. I nostri associati possono inoltre utilizzare i Centri di Assistenza Fiscale (CAF) del sindacato CISL in Italia a condizioni di assoluto favore!

Frontalieri fiscali - Comuni di frontiera

I frontalieri fiscali sono coloro che risiedono in un Comune della fascia di frontiera. Trova l’elenco completo dei Comuni di frontiera a questo link: https://m4.ti.ch/fileadmin/DFE/DC/DOC-IF/Moduli_2019/Lista_comuni_italiani_frontiera_2019.pdf

Frontalieri non fiscali (residenti fuori dalla fascia di frontiera)

I frontalieri residenti in un comune non appartenente alla fascia di frontiera sono definiti quali “frontalieri non fiscali”: essi devono dichiarare in Italia il reddito da lavoro maturato in Svizzera.

In particolare dovranno pagare l’IRPEF sulla base dell’aliquote previste dallo Stato italiano.

L’aliquota IRPEF verrà applicata sul reddito svizzero già decurtato dei contributi sociali e assicurativi ivi versati, oltre che ulteriormente decurtato di una franchigia di 7.500 €. Potranno inoltre godere di una detrazione per l’imposta alla fonte già pagata in Svizzera.