Get it on Google Play

Get it on AppStore

 

Abbonamento

Il Lavoro, periodico dell'OCST, da decenni è un punto di riferimento per le informazioni sui contratti, le nuove normative, la previdenza, il mondo del lavoro, la formazione.

Informazioni giornale>>

Formulario abbonamento>>

2018

Il Lavoro n.1 del 25 gennaio 2018 Il Lavoro n.2 dell'8 febbraio 2018
Il Lavoro n.3 del 1. marzo 2018 Il Lavoro n.4 del 15 marzo 2018
Il Lavoro n.5 del 29 marzo 2018

Giovani e apprendisti

La statistica parla chiaro: gli apprendisti si infortunano più spesso rispetto a chi invece ha già concluso la formazione professionale. Nel Ticino ogni anno 2’200 apprendisti circa restano vittime di un infortunio sul lavoro mentre in Svizzera, circa 25’000 apprendisti subiscono un infortunio professionale. Per porre rimedio a questo fenomeno negativo la Suva ha avviato la campagna «Tirocinio in sicurezza» nel 2013. 
«Tirocinio in sicurezza» è il nuovo opuscolo ideato da Travail.Suisse atto a sensibilizzare gli apprendisti sulle insidie del lavoro. «Il passaggio dai banchi di scuola al mondo del lavoro rappresenta un grande passo. Sicuramente il nuovo contesto offre interessanti compiti, ma anche sfide e pericoli» afferma Roman Helfer, Presidente di Jeunesse.Suisse.

Il Dipartimento dell’educazione, della cultura e dello sport (DECS) – attraverso la Divisione della formazione professionale e l’Ufficio dell’orientamento scolastico e professionale della Divisione della scuola - stila il bilancio della dodicesima edizione di Espoprofessioni, la fiera dedicata alla formazione professionale e all’orientamento. In questa edizione è stata registrata un’affluenza record di pubblico. Superate le abitudinali 30 mila presenze, Espoprofessioni si è confermata la più grande manifestazione della Svizzera italiana.

Approvata dal Parlamento l’Iniziativa di Lorenzo Jelmini «Per una scuola media inclusiva anche delle famiglie i cui figli si dedicano allo sport e alla cultura!»
Il Gran Consiglio ha approvato martedì 24 gennaio l’iniziativa «Per una scuola media inclusiva anche delle famiglie i cui figli si dedicano allo sport e alla cultura», tramite la quale Lorenzo Jelmini ha voluto dar seguito alla sollecitazione di famiglie e allievi.