Dal 1. gennaio 2021 nel ramo della falegnameria regna una situazione di vuoto contrattuale. Cresce la minaccia di dumping salariale e di una sfrenata concorrenza. In occasione della manifestazione tenutasi nella giornata di sabato 3 luglio a Zurigo, 450 occupate e occupati del ramo falegnameria hanno chiesto all’associazione padronale ASFMS di abbandonare l’atteggiamento ostruzionistico e di riprendere le trattative.

Archivio "il Lavoro"