Get it on Google Play

Get it on AppStore

 

Abbonamento

Il Lavoro, periodico dell'OCST, da decenni è un punto di riferimento per le informazioni sui contratti, le nuove normative, la previdenza, il mondo del lavoro, la formazione.

Informazioni giornale>>

Formulario abbonamento>>

2019

Il Lavoro n.1 del 24 gennaio 2019 Il Lavoro n.2 del 7 febbraio 2019
Il Lavoro n.3 del 21 febbraio 2019

Prima pagina

Nel 2016 quasi due posti di lavoro su tre retribuiti con un salario inferiore ai 4000 franchi lordi al mese per un lavoro a tempo pieno erano occupati da donne. Le disparità salariali tra donne e uomini sono gradualmente diminuite dal 21,3% nel 2012 al 19,5% nel 2014, per poi passare al 19,6% nel 2016. Secondo l’Ufficio federale di statistica (UST), il 42,9% di queste disparità salariali resta inspiegabile.
Alla fine, come spesso capita, il contratto nazionale mantello (CNM) ed il contratto cantonale (CCL) nel settore dell’edilizia principale sono stati firmati. Accordo doveva essere e accordo è stato… ma quanta fatica!
Per le trattative di rinnovo del CNM, in scadenza con il 31 dicembre 2018, il percorso è stato particolarmente lungo in quanto partiva nell’autunno del 2017 con la richiesta sindacale di aumentare dal 1. gennaio 2018 i salari effettivi e minimi contrattuali di fr. 100.- al mese. 
Nelle scorse settimane la dirigenza della Intervalves, già in difficoltà nel 2013, ha comunicato alcuni licenziamenti.
La ricorrenza che festeggiamo quest’anno vale certamente un editoriale in prima pagina. Il nostro sindacato compie il secolo di attività: un traguardo che ci riempie di orgoglio. 
 
L’intero anno sarà costellato di eventi che ci consentiranno di conoscere meglio le persone e gli avvenimenti che hanno fatto dell’OCST quello che siamo oggi; ma ci proietteranno anche verso i prossimi cento anni con la certezza e la determinazione che avevano i membri del primo comitato che il 18 maggio del 1919 ha decretato l’inizio ufficiale della nostra storia.
Favorevoli o contrari all’accordo quadro istituzionale con l’Unione europea? Questo sembra essere il problema. C’è tuttavia chi, come Moreno Bernasconi e Michele Rossi, durante le festività del Natale ha riportato la discussione su una questione cruciale.