Get it on Google Play

Get it on AppStore

 

Abbonamento

Il Lavoro, periodico dell'OCST, da decenni è un punto di riferimento per le informazioni sui contratti, le nuove normative, la previdenza, il mondo del lavoro, la formazione.

Informazioni giornale>>

Formulario abbonamento>>

2018

Il Lavoro n.1 del 25 gennaio 2018 Il Lavoro n.2 dell'8 febbraio 2018
Il Lavoro n.3 del 1. marzo 2018 Il Lavoro n.4 del 15 marzo 2018
Il Lavoro n.5 del 29 marzo 2018 Il Lavoro n.6 del 19 aprile 2018
Il Lavoro n.7 del 3 maggio 2018 Il Lavoro n.8 del 24 maggio 2018
Il Lavoro n.9 del 7 giugno 2018 Il Lavoro n.10 del 21 giugno 2018
Il Lavoro n.11 del 5 luglio 2018 Il Lavoro n.12 del 19 luglio 2018

Prima pagina

Il 29 Maggio 2018 la Commissione Paritetica Cantonale del CCL per Prestito di personale ha emanato una circolare che formalizza le indicazioni in merito al riconoscimento dell’indennità di lavoro per i lavoratori interinali, e l’applicazione dell’art. 24/2 CCL.
Le trattative per il rinnovo del CCL dell’industria metalmeccanica ed elettrica si sono concluse con successo, con significativi progressi per oltre 100’000 lavoratrici e lavoratori assoggettati al contratto. Un chiaro segnale che il settore metalmeccanico si lascia definitivamente alle spalle lo shock del franco subìto nel 2015.
Negli scorsi mesi Gian-Luca Lardi ha espresso mezzo stampa la sua opinione, in cui sostanzialmente individua sindacati e CCL troppo rigidi e privilegiati come concause della situazione difficile del nostro mercato del lavoro. A questo proposito colgo l’occasione per intervenire nella discussione con la speranza di avviare un dibattito costruttivo sui tre elementi citati da Lardi: libera circolazione, CCL e protezione dei salari.
Tra le varie attività svolte nel corso della mia esistenza vi è stata anche quella del giornalista. Una professione esercitata soprattutto tra gli anni Ottanta e Novanta quale responsabile dell’informazione nazionale radiofonica accanto a professionisti, ancora attivi nonostante abbiano superato la cosiddetta età della pensione, quali Fazioli, Sofia, Tuor, Jelmini e molti altri che hanno calcato con successo la nostra scena mediatica.
Il tema dei fallimenti pilotati è stato a più riprese sollevato, sia con alcuni atti parlamentari che da prese di posizioni pubbliche da parte delle organizzazioni sindacali.
Fermo restando che il diritto societario è di competenza federale e che quindi il margine di manovra cantonale è assai ridotto, ritengo che si debba assolutamente e prioritariamente intervenire per fermare situazioni di abusi che potrebbero minare il nostro sistema sociale.