Martedì 20 ottobre nella sede OCST di Bellinzona si è svolta la riunione del comitato edili del Bellinzonese.
Finalmente dopo oltre un anno abbiamo potuto ritrovarci, in totale sicurezza, attorno a un tavolo per parlare delle tante problematiche che, mai come quest’anno, stanno mettendo a dura prova tutto il mondo del lavoro e non solo.

Se imprese come Glencore o Syngenta avvelenano l’acqua potabile oppure violano i diritti umani, devono rispondere delle proprie azioni. È quanto chiede l’Iniziativa per multinazionali responsabili, sottoposta a voto popolare il 29 novembre 2020 e sostenuta da un’ampia coalizione.

Il 20 giugno 2020 i governi nazionali di Italia e Svizzera hanno sottoscritto un Accordo amichevole per regolamentare il telelavoro svolto dai frontalieri durante la pandemia da Covid-19.
L’intesa bilaterale prevede che «in via del tutto eccezionale e provvisoria» i giorni di lavoro svolti da casa dai frontalieri per conto di un’azienda svizzera «a seguito delle misure adottate per combattere la diffusione del Covid-19», sono considerati come giorni di lavoro svolti in Svizzera.

Proprio in questi giorni gli esperti del gruppo economico della Confederazione hanno elaborato un progetto di previsioni per la fine del corrente anno e soprattutto per l’anno 2021.
Secondo questo gruppo le prospettive per l’anno in corso e quelle del prossimo anno sono meno negative di quanto si temeva nel mese di giugno dove le percentuali del tasso di disoccupazione lievitavano in maniera esponenziale.

Archivio "il Lavoro"