Get it on Google Play

Get it on AppStore

 

Abbonamento

Il Lavoro, periodico dell'OCST, da decenni è un punto di riferimento per le informazioni sui contratti, le nuove normative, la previdenza, il mondo del lavoro, la formazione.

Informazioni giornale>>

Formulario abbonamento>>

2018

Il Lavoro n.1 del 25 gennaio 2018

Prima pagina

Dopo uno sciopero di 20 giorni e che ha permesso di siglare un’importante intesa tra sindacati e Consiglio di Stato nel ruolo di garante, ora i dipendenti attivi sul bacino svizzero del Lago Maggiore si attendono concretezza. Tanto più che dalla fine dello sciopero le maestranze hanno garantito tutti i servizi in una situazione di sotto effettivo, dando prova di grande responsabilità e attaccamento al lavoro.
Firma sì o firma no? Un mosaico complesso
Dal Governo federale giungono forti spinte perché si firmi quanto prima il nuovo Accordo fiscale sui lavoratori frontalieri. A dire il vero fino a prima dell’estate il tema non era ancora all’ordine del giorno della politica italiana. Gli stessi sindacati avevano ricevuto questa rassicurazione durante l’incontro avvenuto a Palazzo Chigi lo scorso giugno. 
La scorsa settimana il Municipio di Lugano ha licenziato il messaggio relativo alla revisione del Regolamento Organico dei dipendenti. Questa revisione è stata discussa con la Commissione del personale nella quale sono rappresentati anche i sindacati OCST e VPOD.
Lunedì 18 settembre è stato presentato il primo pacchetto della riforma fiscale: una serie di misure di sgravio sia per le persone fisiche, in particolare i contribuenti facoltosi, che per le persone giuridiche, con un occhio di riguardo alle start up. 

Terminata la pausa estiva, i frontalieri hanno ripreso il lavoro ponendo al nostro Ufficio numerose domande su altrettanti temi. Ne approfittiamo per aprire anche noi la nuova stagione con una breve panoramica sui principali argomenti che saranno destinati a dettare l’attualità del frontalierato da qui ai prossimi mesi.