Stampa
Lo scorso 21 novembre, il sindacato OCST, unitamente a Unia SIC e SIT, ha rinnovato per la sesta volta il Contratto Collettivo di Lavoro FoxTown, che regola da più di vent’anni le condizioni salariali e di lavoro degli oltre 1200 collaboratori del Centro, ormai conosciuto a livello intercontinentale. 
Il nuovo CCL entrerà in vigore il prossimo 1. gennaio 2020, per la durata di cinque anni, cioè fino al 31 dicembre 2024.
Nel corso di tanti anni, sono stati raggiunti ottimi livelli salariali, a dimostrazione che l’evoluzione di un CCL, se condotta con collaborazione e impegno da partner sociali seri e affidabili, costituisce la migliore soluzione per tutelare adeguatamente le lavoratrici e i lavoratori, nel rispetto degli obiettivi imprenditoriali aziendali.
L’istituto del CCL evolve, infatti, nel tempo e non può, evidentemente, nascere già grande.
Il CCL FoxTown dimostra che, nei diversi rinnovi, apportando con decisione e fermezza valide idee e proposte moderne, sono state  ottenute condizioni di lavoro tra le migliori nel nostro Cantone. 
Un solo esempio: le settimane base di vacanza sono per tutti cinque all’anno, mentre, per chi ha raggiunto 20 anni di servizio e, in ogni caso, a partire dai 50 anni di età, il diritto è esteso a 6 settimane.
Ciò premesso, con grande soddisfazione sottolineiamo che il nuovo CCL FoxTown prevede condizioni professionali e sociali ancor più soddisfacenti.
OCST, in particolare nell’ambito della contrattazione collettiva, persegue chiari obiettivi di tutela della dignità della persona, sotto forma di un concreto sostegno delle lavoratrici e dei lavoratori, facendo leva anche sulla responsabilità sociale delle imprese.
Ne consegue che il nostro sindacato si confronta con i partner sociali per migliorare e adeguare non solo le retribuzioni, ma anche la parte normativa dei CCL, com’è puntualmente avvenuto anche in questa importante occasione.
Sono stati fatti progressi, in particolare, nell’ambito della conciliabilità lavoro-famiglia.
E’ stata, per esempio, ampliata la possibilità di fruire di un periodo di congedo non pagato dopo la nascita di un figlio, con facoltà di estendere la relativa copertura assicurativa perdita di salario.
Va evidenziato, in particolare, che, mettendo a frutto la nostra esperienza maturata in tanti anni di attività anche nell’ambito dell’assistenza giuridica, abbiamo proposto e argomentato nuove norme, che sono state introdotte nel CCL e che rientrano tra le novità più importanti a livello svizzero nell’ambito della tutela delle lavoratrici e dei lavoratori.
A partire dal 1. gennaio 2020, in tutti i negozi FoxTown sarà di principio abusiva la disdetta notificata a un lavoratore o a una lavoratrice con 50 anni di età e 15 anni di servizio.
Sostanzialmente, verrà applicata analogicamente la norma del Codice delle Obbligazioni (articolo 336 cpv.2, lettera b.) che tutela i membri delle Commissioni del personale, per i quali un licenziamento è abusivo se il datore di lavoro non può provare che aveva un motivo giustificato di disdetta. Dal profilo tecnico, si tratta dell’inversione dell’onere della prova e, dal profilo pratico, costituisce un importante deterrente contro i licenziamenti, in una particolare e delicata fase dell’attività professionale.
Ugualmente sarà abusiva la disdetta notificata nei dodici mesi successivi al parto.
Va evidenziato, infine, che è stato chiaramente sancito nel CCL FoxTown il diritto alla difesa del prezioso tempo libero delle collaboratrici e dei collaboratori da un uso improprio della tecnologia, grazie ad una precisa norma, che recita: «salvo emergenze, fuori dall’orario di servizio, il lavoratore non è obbligato a controllare sulla posta elettronica o sul telefono cellulare eventuali comunicazioni di lavoro».
Abbiamo lavorato bene in tutti questi anni e contiamo di fare altrettanto con altri CCL, che continueremo a sviluppare e migliorare, di rinnovo in rinnovo.
 
Giuliano Butti

 

 

Nuovo CCL FART

Il 1. gennaio 2020 entrerà in vigore il nuovo CCL delle autolinee regionali ticinesi (FART), contratto collettivo che va a sostituire l’ormai vetusto e superato regolamento organico datato 1996.
Contratto che interesserà tutti i settori dell’azienda locarnese (autolinee, ferrovia, amministrazione) e che andrà a beneficio degli/delle attuali 160 ca. collaboratrici/tori e di quelli che arriveranno in futuro (altri 50 ca.) Per raggiungere questo importante risultato OCST (rappresentato da Pietro Fadda e Robertino Bay) ha sostenuto tredici incontri di trattative dal mese di giugno al mese di ottobre di quest’anno insieme agli altri due sindacati firmatari (Sev e Unia). Non va sottaciuta e dimenticata la disponibilità della Direzione Fart alla costruzione di un contratto collettivo di lavoro che, nel settore dei trasporti pubblici si è dotato di prestazioni all’avanguardia e che si mette in evidenza.
Una panoramica sulle novità più importanti:
 Assegno per nascita o adozione chf.750.-;
 Indennità per lavoro domenicale e festivo chf. 10.- all’ora;
 Indennità per lavoro notturno: chf. 7.- all’ora dalle 21.00 alle 05.00 (il totale è arrotondato all’ora successiva);
 Indennità servizi irregolari del personale dell’Esercizio: chf. 9.- per ogni giorno lavorato;
 Indennità per chiamata in servizio durante un giorno di compenso o di riposo: chf. 30.-;
 Congedo paternità: due settimane per nascita;
 Scatti salariali garantiti;
 Mantenimento indennità di residenza;
 Gratifiche anzianità;
 13esima;
 Mezza 14esima (dopo 25 anni di attività);
 Pre-pensionamento a 62 anni.
Oltre a ciò, al personale è stato riconosciuto un adeguamento al costo della vita per il 2020 dello 0.5%. Pur ritenendosi soddisfatta dei risultati ottenuti, l’Organizzazione Cristiano Sociale Ticinese ritiene che questo sia un punto di partenza sul quale continuare a lavorare in modo propositivo e puntuale, mettendosi a disposizione delle lavoratrici e dei lavoratori (per intercettarne i bisogni e le aspettative) che giornalmente garantiscono un servizio impeccabile all’utenza locale e ai turisti. Questo contratto, che entrerà in vigore il 1. gennaio 2020, avrà una validità di 5 anni.
 
Robertino Bay