News

Il ROC EOC è stato rinnovato per tre anni mantenendo le attuali condizioni di lavoro. Così hanno voluto le parti sociali durante la trattativa cui hanno attivamente partecipato le commissioni interne del personale dell’EOC. Nel contesto di grande incertezza sul finanziamento delle attività ospedaliere (tariffe assicuratori malattia e contributo del Cantone), la scelta è stata di dare continuità all’attuale contratto senza cambiarne i contenuti.

L’Assemblea del personale di giovedì 28 novembre ha ratificato il rinnovo che introduce alcune novità. Ecco le principali modifiche al contratto:

  • Sono state introdotte le norme di applicazione dell’art. 77 ROC che consente di modificare gli aspetti economici del contratto in caso di «comprovata grave situazione finanziaria» dell’EOC.
  •  
  • Introduzione di un congedo paternità pagato di cinque giorni.
  •  
  • Entrerà in vigore una norma di avanzamento di classe relativa alla formazione post-diploma per le professioni medico-tecniche.
  •  
  • È stata infine introdotta l’assicurazione perdita di salario per malattia per il personale assunto a ore.

Si sta definendo la trasformazione del contributo straordinario di risanamento del Fondo di previdenza dell’EOC prelevato quest’anno (0,7 a carico del datore di lavoro e 0,3 a carico del dipendente) per riportare il grado di copertura tecnico al di sopra del 100 per cento.

Nelle prossime settimane negli ospedali saranno presentati i risultati dell’inchiesta sulla soddisfazione dei collaboratori. Sarà il momento per valutare con le direzioni, i responsabili risorse umane e le commissioni interne l’adeguatezza del contingente e l’efficacia del sistema di sostituzione del personale assente. Questo è un tema che sta particolarmente a cuore al personale.

L’OCST è soddisfatta di questo rinnovo che tutela le condizioni di lavoro del personale per i prossimi tre anni. In questo modo viene valorizzato l’impegno professionale e costante dei collaboratori che sono sottoposti a ritmi di lavoro intensi, e garantiscono cure appropriate per i pazienti.

>>Le principali modifiche al contratto

l settore dell’assistenza agli anziani è complementare a quello delle cure ospedaliere e merita un’analoga attenzione. Dopo una difficile trattativa, sindacati e case anziani hanno raggiunto un accordo sul nuovo contratto collettivo di lavoro ROCA, approvato dal personale nell’Assemblea del 25 novembre scorso.

Il Ccl valorizza il ruolo e il contributo del personale al buon funzionamento del settore. Il Ccl ROCA assicura le attuali condizioni di lavoro pur semplificando le norme (in particolare i riferimenti alle leggi federali sul lavoro).

La garanzia dei diritti dei dipendenti, per esempio in caso di disdetta, è mantenuta, come pure le condizioni materiali ed economiche (salari, vacanze, premio di fedeltà). Le due modifiche di rilievo interessano una certa flessibilizzazione del tempo di lavoro. Se permangono le 40 ore settimanali, eccezionalmente il lavoro potrà essere esteso a 48 ore settimanali per un massimo di sei giorni consecutivi di lavoro.

Il secondo aspetto riguarda la gratifica per l’anzianità di servizio che sarà riconosciuta come ora dopo 10 anni di servizio, ma presso la medesima casa per anziani. Anche in questo contratto è stato introdotto il congedo pagato per paternità di cinque giorni.

Le parti hanno infine sottoscritto una dichiarazione d’intenti per affrontare tre aspetti particolari: le norme di applicazione sul congedo pagato di tre giorni per la cura dei figli ammalati; le condizioni per il pensionamento anticipato; il numero minimo di ore di lavoro per il personale assunto a ore.

Lo spinoso tema del diritto alle indennità per lavoro notturno e festivo in caso di malattia o vacanze per il personale a turni sarà affrontato in un incontro con l’Associazione dei comuni in ambito sociosanitario (Acas) e con il Dipartimento della sanità e della socialità.

>>Il testo completo del contratto che entrerà in vigore il 1.1.2014

Disdetto il contratto di lavoro del personale delle case per anzianiUna provocazione inaccettabile mette a rischio uno dei più importanti contratti del settore sociosanitario

OCST, Vpod e Comitato degli studenti SSSCI sono delusi dalla risposta del Consiglio di Stato alla petizione

Allegati:
Scarica questo file (Lettera al Consiglio di Stato agosto 2013 firmata.pdf)Lettera di OCST, Vpod e Comitato degli studenti SSSCI al Consiglio di Stato[Lettera di OCST, Vpod e Comitato degli studenti SSSCI al Consiglio di Stato]214 kB
Scarica questo file (Risp. CdS - Petizione contro il peggioramento condizioni formazione infermi~.PDF)Risp. CdS - Petizione contro il peggioramento condizioni formazione infermieri[Risp. CdS - Petizione contro il peggioramento condizioni formazione infermieri]990 kB

Questa mattina ha avuto luogo la consegna della petizione, firmata da 1'200 cittadini, contro il peggioramento delle condizioni di formazione nelle professioni sanitarie nelle scuole specializzate superiori.

Indennità notturne e festive durante le vacanzeIl diritto deve essere garantito a tutti i dipendenti che lavorano a turni con un'azione sindacale collettiva

Allegati:
Scarica questo file (Punto della situazione salario durante le vacanze comprensivo di indennità ~.pdf)Indennità notturne e festive: approfondimento[Punto situazione salari durante vacanze: comprensivo di indennità regolari e durevoli 20.04.2013]164 kB