News

Dopo anni di sacrifici. No a un nuovo peggioramento delle condizioni salariali! È invece necessario un aumento degli stipendi per tutti.

Nell’ultimo decennio il personale dell’Amministrazione cantonale ha subito le scelte dei diversi Governi che, a più riprese, hanno messo in atto numerose misure di risparmio che oltre a ridurre il potere d’acquisto dei salariati, hanno svilito il personale che è chiamato a svolgere un fondamentale mandato di servizio pubblico. Oltre a queste misure è stato pure abolita l’indennità di economia domestica e soprattutto sono state ridotte le prestazione della cassa pensione, un altro tassello della politica dei tagli che ha portato a un netto peggioramento delle condizioni salariali e previdenziali del funzionario pubblico.

Dopo un vuoto contrattuale durato un anno e mezzo, dal 1° luglio è stato ripristinato il contratto collettivo di lavoro per i servizi di assistenza e cura a domicilio d’interesse pubblico (SACD).

Giovedì 10 marzo si è svolto presso la nostra sede un interessante incontro riguardante la pianificazione ospedaliera.
Relatori dell'incontro erano Gianni Guidicelli (vice segretario cantonale OCST) e l'Avv. Paolo Bianchi (Direttore della Divisione della salute pubblica del Dipartimento).

Qui di seguito trovate le slides della conferenza.

 

Pianificazione ospedaliera: il punto della situazione Pianificazione ospedaliera: il punto della situazione>>>

 

La Svizzera soffre, come altri paesi, di mancanza di personale qualificato. La diagnosi è chiara e interpella le parti sociali affinché si metta in atto una strategia per consentire a tutti i settori dell’economia di soddisfare il fabbisogno di manodopera formata.

Allegati:
Scarica questo file (20141112_Maternita e ritorno al lavoro.pdf)Il documento intero[ ]132 kB
Scarica questo file (20141112_Maternita e ritorno al lavoro_Allegati.pdf)Alcuni dati[ ]147 kB

Il sindacato OCST ha accolto con soddisfazione e sollievo la decisione della Congregazione delle Suore infermiere dell’Addolorata, resa pubblica venerdì, di continuare la trattativa per la vendita della Clinica di Moncucco con le due Fondazioni ticinesi rappresentate dall’avv. Renzo Respini, auspicandone una positiva conclusione.

Clinica Moncucco: Aumenta l’incertezza, si decida con sollecitudine per una soluzione no profit!Aumenta l’incertezza, si decida con sollecitudine per una soluzione no profit!

L’incertezza sul futuro della clinica Moncucco genera apprensione tra il personale, che teme i rischi connessi con la vendita dell’istituto a un gruppo privato che ne modifichi la natura no profit.