L’OCST saluta con grande soddisfazione la decisione odierna del Consiglio di Stato di interrompere tutte le attività nei cantieri e nelle industrie ticinesi. Una misura oramai ineluttabile per arginare la diffusione del contagio. 

 

Fermare le attività non essenziali e ridurre i contatti tra le persone, oltre che gli spostamenti, rappresenta ormai la misura più efficace per affrontare questa crisi sanitaria. OCST, oltre ad avviare molte iniziative in questa direzione, ha operato con le parti contraenti dei settori dell’edilizia e dell’artigianato, oltre ad indirizzare richieste pressanti alle aziende industriali per giungere all’odierna decisione. Invitiamo le aziende che ancora non l’abbiano fatto, a fare richiesta di lavoro ridotto per evitare licenziamenti.

La misura riguarderà decine di migliaia di lavoratori che hanno vissuto queste giornate con apprensione e evidente disagio. Garantire all’interno dei cantieri e nelle aziende industriali le distanze sociali di sicurezza e le altre misure igieniche necessarie risultava essere improponibile.

Era ora!  

Leggi l'intero decreto del 21 marzo