Get it on Google Play

Get it on AppStore

 

Abbonamento

Il Lavoro, periodico dell'OCST, da decenni è un punto di riferimento per le informazioni sui contratti, le nuove normative, la previdenza, il mondo del lavoro, la formazione.

Informazioni giornale>>

Formulario abbonamento>>

2017

No image Il Lavoro n. 1 del 26 gennaio 2017
Il Lavoro n. 2 del 9 febbraio 2017 Il Lavoro n. 3 del 23 febbraio 2017
Il Lavoro n. 4 del 16 marzo 2017 Il Lavoro n. 5 del 30 marzo 2017
Il Lavoro n. 6 del 13 aprile 2017 Il Lavoro n. 7 del 4 maggio 2017
Il Lavoro n. 8 del 18 maggio 2017 Il Lavoro n. 9 del 1. giugno 2017
Il Lavoro n. 10 del 22 giugno 2017 Il Lavoro n. 11 del 13 luglio 2017
Il Lavoro n. 12 del 7 settembre 2017 Il Lavoro n. 13 del 21 settembre 2017
Il Lavoro n. 14 del 5 ottobre 2017 Il Lavoro n. 15 del 19 ottobre 2017

Travail.Suisse

Il Consiglio federale respinge l’iniziativa popolare «Per un congedo paternità ragionevole – a favore di tutta la famiglia» e non prevede di proporre un controprogetto. L’argomento dei costi è solo un pretesto in quanto l’iniziativa, come pure un controprogetto, non genererebbero che dei costi limitati. Il rifiuto del Consiglio federale è di conseguenza ideologico. È vergognoso che l’ideologia non venga oltrepassata e vengano finalmente riconosciuti i bisogni delle giovani famiglie di oggi.

Il lavoro a tempo parziale resterà ancora a lungo una prerogativa femminile

Il Consiglio nazionale ha seguito l’indicazione della propria commissione e ha rifiutato l’iniziativa parlamentare Masshardt che chiedeva il diritto di ridurre il tempo di lavoro del 20% per tutti i genitori. Travail.Suisse si rammarica che la camera bassa abbia perso l’occasione di introdurre una misura innovativa, ragionevole, ugualitaria e sostenibile per la maggior parte delle imprese svizzere.
Nel 2015 la Segreteria di Stato dell’economia (SECO) ha partecipato per la seconda volta all’indagine europea sulle condizioni di lavoro in collaborazione con la Commissione federale di coordinamento per la sicurezza sul lavoro (CFSL). Continua a essere alto il numero di lavoratori in Svizzera che dicono di godere di uno stato di salute buono o addirittura ottimo. Ma il margine d’azione dei dipendenti tende a diminuire.

Il Consiglio nazionale, dopo il Consiglio degli Stati e il Consiglio federale, ha accettato una modifica della legge per permettere un prolungamento del congedo maternità della madre nel caso in cui un neonato debba essere ricoverato in ospedale per più di tre settimane. Travail.Suisse è soddisfatta di questa decisione.

Con la revisione dell’assicurazione contro la disoccupazione del 2011, sono state drasticamente ridotte le prestazioni. I giovani in cerca d’impiego sono stati particolarmente toccati, ciò ha portato un forte incremento del numero di chi esaurisce il diritto alla disoccupazione. Inoltre, l’accento posto sulle sanzioni, provoca un aumento dei rapporti di lavoro instabili. Travail.Suisse chiede dunque un’analisi più precisa degli effetti della riforma della LADI.