Get it on Google Play

Get it on AppStore

 

Abbonamento

Il Lavoro, periodico dell'OCST, da decenni è un punto di riferimento per le informazioni sui contratti, le nuove normative, la previdenza, il mondo del lavoro, la formazione.

Informazioni giornale>>

Formulario abbonamento>>

2018

Il Lavoro n.1 del 25 gennaio 2018

Prima pagina

Il 21 giugno è stato firmato il nuovo contratto collettivo degli architetti e degli ingegneri. Esso andrà a coprire un settore che comprende circa 3’500 lavoratori (650 più o meno gli studi di progettazione). Durante la conferenza stampa indetta da OCST, Unia e ASIAT, è stato rimarcato come non si tratti soltanto di un CCL per gli architetti ma che riguarda tutto il settore della progettazione. Questo contratto, oltre ad avere dimostrato una volta di più che il partenariato sociale funziona, va così a evitare l’entrata in vigore di un altro contratto normale di lavoro, che andava delineandosi all’orizzonte.

Assemblea Giardinieri 

Mercoledì 3 maggio si è svolta presso la sala patriziale di Gordola l’assemblea regionale 2017 per il settore dei giardinieri in vista delle trattative per il rinnovo del contratto che giunge a fine scadenza proprio quest’anno.

Il Consiglio nazionale, dopo il Consiglio degli Stati e il Consiglio federale, ha accettato una modifica della legge per permettere un prolungamento del congedo maternità della madre nel caso in cui un neonato debba essere ricoverato in ospedale per più di tre settimane. Travail.Suisse è soddisfatta di questa decisione.

Il lavoro a tempo parziale resterà ancora a lungo una prerogativa femminile

Il Consiglio nazionale ha seguito l’indicazione della propria commissione e ha rifiutato l’iniziativa parlamentare Masshardt che chiedeva il diritto di ridurre il tempo di lavoro del 20% per tutti i genitori. Travail.Suisse si rammarica che la camera bassa abbia perso l’occasione di introdurre una misura innovativa, ragionevole, ugualitaria e sostenibile per la maggior parte delle imprese svizzere.
Nel 2015 la Segreteria di Stato dell’economia (SECO) ha partecipato per la seconda volta all’indagine europea sulle condizioni di lavoro in collaborazione con la Commissione federale di coordinamento per la sicurezza sul lavoro (CFSL). Continua a essere alto il numero di lavoratori in Svizzera che dicono di godere di uno stato di salute buono o addirittura ottimo. Ma il margine d’azione dei dipendenti tende a diminuire.